Blog di Fabio Orfei

Home » Posts tagged 'politica'

Tag Archives: politica

Mentana, via libera al ribaltone. Oggi alle 16 la prova del nove in consiglio comunale

Nuovo colpo di scena nella politica mentanese, fatta ormai di riunioni e incontri piuttosto che atti concreti e decisioni per la città. Il sindaco Altiero Lodi ha scaricato Pd-Udc e ha deciso per l’ipotesi che ha sempre aleggiato: quella del “ribaltone”. Da domani insomma il governo della città non sarà più di centrosinistra così come voluto dagli elettori due anni fa, ma di centrodestra.

Il sindaco Altiero Lodi
Il nuovo scenario arriva dopo le lettere di Pd-Udc, che hanno indispettito la lista civica che conta tre consiglieri (Damiani, Goffredo Fravili e Pezzuto) e che non è stata invitata e considerata nelle trattative. Ecco allora che proprio dalla civica sono partite le proposte che si sono concretizzate già giovedì sera nel rustico di casa Pezzuto. Gli 8 consiglieri presenti hanno sottoscritto un accordo di programma, dove venivano ribaditi alcuni punti programmatici da portare avanti, senza entrare nel merito delle spartizioni dei posti in giunta.
Presenti all’incontro i tre consiglieri comunali della lista civica, i quattro del Pdl Giancarlo Coltella, Franco Mineo, Angelo Virgulti e Mario Barbato, il consigliere comunale Riccardo Donati, Giovanni Lanzone segretario politico del sindaco Lodi e Giuseppe Corte dell’Udc in rappresentanza di una parte del partito che potrebbe aggiungersi in un secondo momento e in particolare il consigliere comunale Claudio Urbani.
Cosa succederà ora? Per avere una parola definitiva sulla questione bisognerà aspettare ancora fino al prossimo consiglio comunale di martedì 28 alle 16. C’è da approvare il rendiconto di bilancio, un atto fondamentale che se non dovesse essere approvato entro i termini di legge, porterebbee al commissariamento.

Annunci

Mentana, il sindaco Lodi chiede il sostegno dell’opposizione

Dopo diversi incontri e prese di tempo, venerdì 19 aprile il sindaco Altiero Lodi ha aperto il consiglio comunale con una dichiarazione nella quale chiedeva apertamente il sostegno dell’opposizione. La crisi politica è in atto da tempo e tre mesi fa il primo cittadino ha azzerato la giunta, nominando successivamente tre assessori senza deleghe specifiche. A breve i nodi si dovrebbero sciogliere e il nuovo assetto amministrativo si dovrebbe chiarire. Il Partito Democratico è fermo sulle proprie posizioni e chiede la conferma dei tre assessori rimossi a inizio febbraio, Baccani, Ciccolini e Rendini. Lodi potrebbe accontentarli e fare finta che non è successo nulla, ma non è escluso che l’irrigidimento del principale partito della maggioranza potrebbe portarlo a decisioni clamorose come quella del governissimo o del ribaltone con un governo Pdl-Udc-Lista civica.

Mentana, il Pd si spacca e la crisi politica continua

Nemmeno la Pasqua ha portato dentro l’uovo la nuova giunta del sindaco Lodi.

Il sindaco Altiero Lodi

Il sindaco Altiero Lodi

Uno stallo che va avanti da più di due mesi, da quando il primo cittadino ha deciso di azzerarla annunciando un rinnovamento totale, salvo poi nominare tre assessori su cinque e ritrovarsi con i soliti problemi da affrontare. (altro…)

Elezioni, Marco Vincenzi sbanca in Regione

Con 16.075 preferenze personali entra in consiglio regionale come terzo degli eletti nelle fila del Partito Democratico Marco Vincenzi.

Marco Vincenzi

Marco Vincenzi

L’ex sindaco di Tivoli ed assessore provinciale ha raccolto poco meno di 14 mila preferenze in provincia di Roma, di cui oltre 4 mila a Tivoli.
Si profila una nuova beffa, invece, per l’altro “big” tiburtino Piero Ambrosi, fermo a circa 8.525 preferenze personali e dodicesimo in ordine di preferenze dentro al partito democratico. Dunque per la seconda volta potrebbe risultare il secondo dei non eletti, distanziato di 770 preferenze dal decimo consigliere scattato al Pd. Vale la pena ricordare che in caso di consiglieri che andassero a ricoprire il ruolo di assessore, non sono obbligatorie le dimissioni da consigliere e quindi le porte del consiglio regionale per Ambrosi al momento sembrano chiuse.
Niente da fare anche per Sabatino Leonetti, ex vicesindaco di Guidonia Montecelio che ha raccolto circa 1.900 preferenze personali, di cui solo 400 nella sua città.
Fuori di poco anche Loredana Cicerone, del Movimento 5 Stelle. I “grillini” prenderanno 6 consiglieri regionali di opposizione ma la guidoniana con le sue 1.388 preferenze resta fuori come prima dei non eletti.
In Parlamento, entra Carlo Lucherini (Pd) , certo di un seggio al Senato, e invece dovrà attendere Andrea Ferro (Pd) primo dei non eletti alla Camera. Tutto dipenderà dal capolista Bersani, se decidesse di essere eletto in un’altra circoscrizione, Ferro entrerebbe. Niente da fare per Roberto Buonasorte, che era capolista de La Destra al Senato, ma il partito non ha raggiunto il quorum.